Uomini, ominicchi e quaquaraquà.

Queste categorie umane, ben descritte da Sciascia, sono quanto mai attuali nel tessuto sociale e politico di Ceppaloni. La dialettica politica, per quanto dura e diretta, viene sostituita da una prassi degna dei migliori quaquaraquà: le lettere anonime. Si parte con il discredito della persona (possibilmente candidata) e/o dei familiari più vicini o esposti per poi inviare il tutto alle istutuzioni e alle forze di pubblica sicurezza. Fa specie notare come diventa solerte lo “Stato” quando si trova davanti all’anonimo denunciante, mentre è stranamente lento e macchinoso quando il denunciante firma con il proprio nome e cognome. Fa ancora più specie notare che solerti diventano soprattutto coloro i quali, in palese conflitto di interessi, hanno parenti amministratori uscenti e ricandidati. Questa pletora di ominicchi e quaquaraquà non otterrà altro risultato se non il rafforzamento delle convinzioni e delle azioni degli uomini che non si faranno piegare dal ricatto e dall’intimidazione. Naturalmente la promessa è che, a qualsiasi titolo la popolazione scelga di mandarci nella casa comunale, la lotta all’illegalità e ai conflitti di interessi sarà serrata e senza timore.”Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci” (Mahatma Gandhi)

L’attimo sfuggente di De Blasio

È sorprendente che un amministratore Comunale di lungo corso come Ettore De Blasio (da oltre 10 anni in maggioranza e, ininterrottamente, con ruoli in Giunta) fugga dal contraddittorio e dalla dialettica tra elettori e candidati alla carica di Sindaco, calpestando le premesse fondamentali di ogni sana competizione politica ed elettorale. Quali ragioni inducono De Blasio a sottrarsi alla platea popolare?
A dire del De Blasio, lo stesso sarebbe rimasto offeso dalle esternazioni della Candidata Pepicelli, in occasione del comizio svoltosi in frazione Santa Croce.
In realtà le accuse riguardavano esclusivamente (mis)fatti amministrativi a lui riferibili, non foss’altro perché firmatario dei provvedimenti.
Tale FALSA circostanza addotta dai De Blasio è verificabile ‘tramite internet’ da parte di tutti quelli che non vivono per sentito dire.
La verità invece risiede nella paura, che è un sentimento umano ma rispetto al quale non tutti fuggono; la pochezza di argomentazioni programmatiche a disposizione della lista avversaria e l’assenza totale di giustificazione alle aberrazioni poste in essere dall’amministrazione uscente; il che però si ripropone con formazione diversa come se cambiando l’ordine dei fattori cambiasse pure il risultato.
Ad ogni modo, e per venire incontro alle esigenze mentali della controparte, la lista cittadinanza attiva si rende disponibile al confronto con altro ardimentoso/a componente della lista avversaria dotato/a del coraggio delle proprie azioni.
Cari elettori, che dire!!! questi i candidati che si sono proposti a voi e che se eletti saranno i vostri degni rappresentanti.
Per quanto ci concerne, proseguiremo la nostra campagna elettorale con la trasparenza che ci denota e col contatto diretto con l’intero territorio comunale.
Cittadinanza attiva per Ceppaloni

Raccolta differenziata: un’opportunità di risparmio economico che non c’è

La raccolta differenziata ha un duplice obiettivo: tutelare la salute pubblica e consentire un risparmio sia per l’Ente comunale che per i cittadini in termini di riduzione della Tassa sui rifiuti. Dopo anni di raccolta differenziata nel comune di  Ceppaloni qualche dubbio appare più che legittimo. La Tari continua ad essere alle stelle  mentre nei  Comuni  vicini come Apollosa e San Leucio del Sannio ci risulta una diminuzione graduale della stessa negli ultimi anni, corrispondente ad un aumento della raccolta differenziata e dei ricavi da questa derivanti.

I conti sembrano non tornare e per questo che il Comitato Cittadinanza attiva ha presentato, in data 27.10.2017, un’istanza protocollata al Comune di Ceppaloni perché vengano resi pubblici tali dati.

In attesa di ottenere riscontro ci poniamo altre domande alla luce delle azioni poste in essere dal Comune. Rimaniamo sempre più colpiti dalla celerità con la quale il Comune in alcune occasioni, a mezzo degli uffici competenti,  porta a termine le azioni in danno a carico di privati . Senza dubbio è legittimo che il Comune vigili sul rispetto dell’esecuzione delle sue ordinanze ma allora, ci chiediamo  come mai  e  lì dove si trattava di tutelare anche e soprattutto  la salute pubblica è rimasto inerte, tant’è che a seguito dell’avviso (datato addirittura 12.05.2008) di avvio del procedimento per la rimozione dei rifiuti ai sensi dell’art.192 D. Lgs 152/2006, non  ha mai posto in essere  l’azione in danno a carico dei soggetti privati interessati.  Il silenzio dell’Amministrazione di fronte a legittimi dubbi non  fermerà chi continuerà  a porsi domande in attesa di  doverose risposte, tenuto conto che l’interesse da tutelare, quello della salute pubblica, dovrebbe prevalere su ogni altro.

Cittadinanza Attiva Ceppaloni

CEPPALONI,27/10/2017

Raccolta differenziata crolla sotto il 50%

La raccolta differenziata ha un duplice obiettivo: tutelare la salute pubblica e consentire un risparmio sia per l’Ente comunale che per i cittadini in termini di riduzione della Tassa sui rifiuti.

Dopo anni di raccolta differenziata nel comune di  Ceppaloni qualche dubbio appare più che legittimo.

La Tari, infatti, nel comune di  Ceppaloni continua ad essere alle stelle  nonostante negli anni passati la percentuale di raccolta differenziata e dei ricavi da questa derivanti siano cresciuti in maniera costante.

Continua la lettura di “Raccolta differenziata crolla sotto il 50%”

Pepicelli sfida De Blasio ad un confronto pubblico

Faccia a faccia tra i candidati alla carica di Sindaco di Ceppaloni alle elezioni del prossimo 10 giugno. Come Cittadinanza Attiva per Ceppaloni lo abbiamo chiesto con forza domenica 20 Maggio durante il comizio dal palco di Santa Croce per tramite del nostro candidato Sindaco, Stefania Pepicelli.

“Io sono pronta a confrontarmi – spiega senza mezzi termini Stefania Pepicelli – perché i cittadini di Ceppaloni meritano delle risposte chiare per decidere chi votare. La gente vuole conoscere i candidati, i programmi, le idee per il futuro di Ceppaloni. Il rilancio della nostra comunità deve partire soprattutto da un modo nuovo di fare politica, trasparente, aperto al dialogo e al coinvolgimento da parte di tutti i cittadini che debbono sentire l’Amministrazione Comunale vicina alle proprie esigenze. È questa la scelta che abbiamo fatto quando abbiamo costituito il comitato “Cittadinanza Attiva per Ceppaloni” e coerentemente a questa scelta proponiamo al candidato sindaco dell’altra lista di organizzare insieme un dibattito pubblico.

Questo incontro vuole essere un segnale chiaro di partecipazione e trasparenza. Crediamo sia giusto andare oltre le riunioni ristrette o i comizi autoreferenziali: ora è il momento di dare una svolta. Noi immaginiamo un dibattito moderato da giornalisti terzi, che possa avvicinare tutti i cittadini al sano confronto basato sulle idee e sui programmi e dando l’occasione ai candidati a Sindaco di potersi esprimere e misurarsi in un faccia a faccia leale e trasparente.”

Lanciamo la sfida a meno di tre settimane dal voto che darà, speriamo, un nuovo volto alla politica ceppalonese.

Restiamo in attesa di ricevere “segnali” dal candidato dell’altra lista Ettore De Blasio

DISCARICA ABUSIVA A BARBA

Ancora un’altra discarica abusiva. Ancora un altro pericolo per la salute dei nostri concittadini. Ancora amianto abbandonato a Ceppaloni, questa volta in località stretto di Barba, in aperta campagna. Qui i soliti ignoti hanno approfittato di una comoda carraia inutilizzata ed interdetta al traffico per abbandonare i resti di numerose onduline di eternit. La discarica abusiva a cielo aperto si trova in prossimità di alcune abitazioni situate lungo via Fiume e a ridosso di un’area già interessata da sversamenti illeciti e a breve (si spera) oggetto di una attività di bonifica. Inutile sottolineare che da diverso tempo un privato cittadino ha inviato un esposto denuncia al Comune di Ceppaloni ed alla locale Caserma dei Carabinieri. Di contro l’Ente Comunale è intervenuto con un “imballo” tanto casereccio quanto inutile: il materiale abbandonato è stato coperto con un telo e con dei rami (vedi foto). L’amianto risulta essere frantumato e continuamente esposto alle intemperie. Esso costituisce un pericolo per la salute dato che la rischiosità dei manufatti contenenti amianto dipende dal grado di libertà delle fibre, ossia dalla capacità dei materiali di rilasciare fibre potenzialmente inalabili; esso diventa pericoloso qualora le fibre vengano sprigionate nell’aria, per effetto di qualsiasi sollecitazione: manipolazione/lavorazione, vibrazioni, correnti d’aria, infiltrazioni di umidità etc. (e quindi anche dallo spostamento d’aria provocato dal vento).

Non è più possibile lasciare questi rifiuti speciali e pericolosi esposti lì a cielo aperto a discapito della salute delle persone che abitano nei dintorni, ma occorre bonificare immediatamente l’area provvedendo urgentemente alla loro rimozione o messa in sicurezza. La salvaguardia e la salubrità dell’ambiente che ci circonda è legata inevitabilmente alla tutela della salute pubblica ed è compito del sindaco in primis, quale capo dell’amministrazione comunale, prevenire ed eliminare i pericoli che minacciano l’incolumità dei cittadini, sia che tali situazioni di pericolo minacciano aree di pubblico transito e accesso e sia che interessano gli ambiti della proprietà privata.

Il Comitato di Cittadinanza Attiva per Ceppaloni chiede un intervento urgente di tutti gli enti competenti (Comune, Arpac, ASL) per verificare la situazione attuale e di intervenire secondo le diverse competenze al fine di ripristinare una situazione ambientalmente e legalmente corretta. Contestualmente occorre attivare tutte le misure di prevenzione per contrastare questo diffusissimo fenomeno anche intensificando i controlli da parte delle Forze dell’Ordine tutte, in particolare nelle zone rurali.

Cittadinanza Attiva Ceppaloni

Concorso autista: Presidente della Commissione il fratello di un Assessore, attuale candidato

Con determina n. 105 del 29.03.2018 il Comune di Ceppaloni ha indetto un concorso a tempo indeterminato per operaio macchine specializzate- autista scuolabus, subordinato all’esito negativo delle procedure di mobilità.
In data 6 aprile 2018 il Comitato Cittadinanza attiva ha chiesto di conoscere i motivi per cui non si era dato seguito alla procedura di mobilità obbligatoria, atteso che erano pervenute delle candidature. Ovviamente ad oggi nessun riscontro abbiamo ottenuto. Continua la lettura di “Concorso autista: Presidente della Commissione il fratello di un Assessore, attuale candidato”

Patto Territoriale, breve storia di un doppio fallimento.

Con la sentenza del Tribunale di Benevento n. 18/2018, pubblicata il 22 marzo 2018, è stato dichiarato il fallimento della società consortile Patto Territoriale Sviluppo 2000 Valle del Sabato. Una pietra tombale è stata posta su un affare di oltre cento miliardi delle vecchie lire (circa 52 milioni di euro) che ha lasciato in eredità solo qualche capannone bruciato e abbandonato, la devastazione e l’inquinamento di terreni a vocazione agricola e nessun nuovo posto di lavoro.
Continua la lettura di “Patto Territoriale, breve storia di un doppio fallimento.”

Cittadinanza Attiva chiede di aderire al bando europeo per il wi fi gratuito

Cittadinanza Attiva Ceppaloni ha inviato una PEC al Sindaco del Comune di Ceppaloni per portarlo a conoscenza della pubblicazione di un bando della Commissione Europea al fine di promuovere le connessioni wi-fi gratuita per i cittadini e i visitatori in spazi pubblici quali parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche, musei e centri sanitari in tutta l’Europa.

Il buono WIFI4EU prevede un importo fisso di 15 000 euro per ciascun comune. I comuni che ricevono un buono selezionano i “punti di aggregazione pubblica” in cui gli hotspot WiFi4EU (punti di accesso senza fili) saranno installati e possono utilizzare i buoni WIFI4EU per finanziare parzialmente un progetto di valore superiore. Continua la lettura di “Cittadinanza Attiva chiede di aderire al bando europeo per il wi fi gratuito”

Cittadinanza Attiva chiede l’annullamento del bando di concorso ed annuncia ricorsi.

E’ stato pubblicato sul sito del Comune di Ceppalonil’avviso di mobilità volontaria e contemporaneamente l’avviso di selezione pubblica per la copertura di un posto di lavoro a tempo indeterminato parziale peristruttore direttivo informatico.

Come ricorderete, qualche mese fa, in seguito alle nostre segnalazioni, era stato annullato l’illegittimo provvedimento col quale il Comune aveva stabilito di trasformare a tempo indeterminato il contratto di formazione e lavoro per la stessa figura professionale ricoperta dal Dott. Giuseppe Varricchio, il quale in violazione della normativa in materia, veniva nominato lo stesso ai sensi dell’art. 110 TUEL.

Rimediare ad un errore con un errore, è un errore!

Purtroppo anche questa volta non possiamo esimerci dal rivelare una serie di illegittimità del nuovo avviso di selezione pubblica, nonostante l’ente, probabilmente perevitare errori, abbia anche nominato una nuova figura del Responsabile del procedimento. Continua la lettura di “Cittadinanza Attiva chiede l’annullamento del bando di concorso ed annuncia ricorsi.”